Una domenica al museo…degli orrori.

Oggi ho dedicato il pomeriggio alla vista del Museo Luigi Pigorini all’Eur.

Questa non è la mia prima visita e per questo ho potuto guardarlo con occhi più critici. Grazie alla gratuità di cui oggi si poteva usufruire il museo è affollato, diversamente da come lo si può vedere normalmente. Nonostante la grande partecipazione il personale è pressochè assente: oltre l’inserviente in biglietteria c’è solo un operatore per tutta la struttura. Sia chiaro, non sto parlando di personale dedicato all’utente, pronto a spiegare al visitatore le opere conservate, ma un uomo che si aggira nelle sale facendo su e giù tra un piano e l’altro.

Dalle prime sale è chiaro che c’è un problema nell’areazione,  un caldo soffocante, aria rarefatta. Il percorso espositivo vede teche poco illuminate, accompagnate da pannelli informativi con testi fittissimi, in un carattere molto piccolo e poco invitante. La grafica dei pannelli sembra rimasta ad almeno dieci anni fa, non c’è cura per l’occhio del visitatore, non c’è colore che indichi concetti chiave, assente qualsiasi guida nella lettura della sala. Per non parlare delle didascalie per i manufatti esposti: una addirittura ci informa che le due maschere che descrive sono nuove acquisizioni, peccato che la data della presa in carico dell’opera risale al 2004.

Sostegno alla visita dovrebbe essere il materiale audiovisivo, peccato che le immagini provengano da vecchi televisori che potrebbero essere loro stessi inseriti nella collezione del museo ed il materiale video sia poco nitido e chiaro. Le immagini appese al muro nell’area espositiva dedicata alle armi sono sbiadite nei punti in cui i faretti le illuminano, alcune teche hanno illuminazione ad intermittenza, altre sono sporche e piene di ditate e polvere. Alcuni percorsi finiscono davanti ad un cartello “no entry”, un’opera in restauro viene segnatata sul muro vuoto con un foglio appeso, che si tiene per miracolo.

Basta entrare all’ultimo piano, nell’ultimo percorso espositivo per capire quanto sia grave la situazione di questo museo. Ci sono pannelli informativi rovinati fino a perdere pezzi, altri a terra ammucchiati, pareti in allestimento, cuscini per le sedute dei visitatori con macchie evidenti, finestre aperte (menomale!) che non vengono lavate da anni, tende ingiallite e macchiate.

Insomma, un vero incubo. Un museo che potrebbe essere, per la materia che ne è il fulcro, un fiore d’occhiello della città, andando a parlare a pubblici diversi attraverso percorsi targati sull’interesse del visitatore. Quanti bambini potrebbero essere interessati dal Paleolitico,  all’evoluzione dell’uomo, apprendendo al meglio ciò che nei primi giorni di scuola si legge nei libri? Le nuove tecnoligie, un vero museo interattivo che parli lingue diverse e non solo l’italiano (infatti le didascalie sono solo in italiano!), andando a sperimentare nuove forme di didattica: questa può essere una mission di questo museo. Naturalmente non perdendo la sua anima specialistica, ma aprendo a diverse vocazioni.

Purtroppo come tutto ciò che dice troppo, dice poco. Un museo troppo vasto per com’è concepito e che lascia il visitatore stordito, portandolo  alla fine del percorso di visita dubbioso e disinteressato. Insomma, la comunicazione non è ragionata, la pulizia non c’è, l’accoglienza è inesistente, l’allestimento posticcio e vetusto, l’assenza di strumenti di sostengo alla visita. Fa rabbia, tanta, perchè non parliamo di grandi innovazioni da apportare (che pur farebbero bene), ma di piccole attenzioni che lo renderebbero un museo dell’oggi.

Uscendo ho potuto notare il bookshop. Dal vetro si vede una sala buia e vuota, con scatoloni a terra e polvere ovunque. Mi ha ferito esserci passato davanti e non essermi stupito: alla fine della visita mi sono abituato al brutto e alla negligenza. L’indifferenza non dovrebbe essere lo stato d’animo che ci pervade dopo una visita ad un museo. Forse c’è qualcosa di sbagliato. Forse eh.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s